MIGRANTI: CAPO UFFICIO D’INFORMAZIONE DEL PARLAMENTO EUROPEO IN ITALIA INCONTRA DELEGAZIONE CISPM. PROSEGUE LA SETTIMANA NAZIONALE DI AZIONI

Roma -

 

COMUNICATO STAMPA

 

Una delegazione della CISPM, Coalizione Internazionale Sans-papiers, Migranti, Rifugiati e Richiedenti asilo, ha incontrato il Capo Ufficio d’Informazione del Parlamento Europeo in Italia, Gianpaolo Meneghini. L’incontro è avvenuto a seguito della manifestazione che si è svolta ieri a Roma, a cui hanno partecipato migranti ed attivisti No Borders, indetta nell’ambito della Settimana Nazionale di Azioni per dire no alle deportazioni dei migranti, no alle guerre ed al razzismo e per la regolarizzazione generalizzata di tutti i migranti.

 
“Nel corso dell’incontro abbiamo contestato le scelte politiche dell’Unione Europea, che riteniamo scellerate ed anti umane. Motivo per il quale, d’ora in poi,  la Ue sarà interlocutore centrale di tutte le nostre iniziative. Perché questa stessa istituzione, che spesso passa per un’entità astratta, prende ogni giorno decisioni di carattere economico e sociale che hanno effetti concreti e devastanti sulla vita di milioni di persone”, così Aboubakar Soumahoro, a nome della delegazione CISPM e membro dell’Esecutivo nazionale USB.
 

“Abbiamo ribadito l’insufficienza e l’inadeguatezza di questa Unione Europea - continua Soumahoro - che invece di prendere atto del suo fallimento ha introdotto un pericolosa distinzione tra migranti economici e rifugiati per giustificare le deportazioni di tanti esseri umani. La verità è che sia i migranti che i rifugiati sono entrambi il prodotto delle guerre geopolitiche ed economiche che vedono protagonisti la UE, la Nato e il FMI”.
 

“Per noi la libertà di circolazione e di residenza non è chiedere la luna – sottolinea il rappresentante CISPM  - ma è semplicemente una questione di giustizia sociale. Perché è proprio ciò che è stato garantito in seguito alla firma dell’accordo di Schengen nel 1985 ad oltre 805 milioni di persone, con l’esclusione dei migranti. Questa esclusione è stata aggravata dal Regolamento Dublino, innescando una delle caratteristiche dell’apartheid ai danni dei migranti in generale. Contro questa mostruosità proseguiamo con le iniziative di lotta”, conclude Soumahoro.
 

Dopo la partecipata assemblea pubblica che si è svolta a Venosa (PZ), a cui hanno partecipato braccianti migranti, il Coordinamento Associazioni Venosa e l’assessore alle Politiche Sociali Antonietta Mastrangelo, la Settimana Nazionale di Azioni prosegue con i seguenti appuntamenti previsti per domani, sabato 24 ottobre:

Torino - manifestazione in piazza Castello alle ore 10.00;

Napoli - manifestazione “No alle guerre”, partenza ore 14.30 piazza del Gesù;

Schio (VI) - manifestazione ore 15.30 in piazza Falcone e Borsellino;

Genova - assemblea pubblica ore 15.00 presso il CAP in Via Albertazzi 3, con la partecipazione del Presidio No Borders di Ventimiglia e della CISPM;

Milano - appuntamento in piazza Aosta, Stazione Centrale ore 10.00.

Cassino - manifestazione antirazzista ore 16.00 Piazza Nicolas Green.